4 modi per innovare la struttura organizzativa della tua PMI

Ordine e metodo. Due semplici parole che possono fare la differenza per il tuo business, soprattutto se sei a capo di una piccola o media impresa. Con una concorrenza sempre più accesa, avere un’organizzazione efficiente aiuta la tua azienda a crescere e a prosperare, imponendosi come leader all’interno di un mercato molto affollato e competitivo.

Esistono molti modi per innovare la struttura organizzativa della tua azienda: oggi te ne proporremo 4 che, se applicati correttamente, potranno davvero cambiare in positivo il corso del tuo business.

Lo smart working è sempre più diffuso in Italia: scopri quante aziende lo hanno adottato scaricando gratuitamente la nostra infografica! 

 

1. Utilizzare un software gestionale per ottimizzare il lavoro

L’efficienza, si sa, è il motore del buon funzionamento di un’azienda: laddove ognuno espleta i propri compiti nei tempi e nelle modalità previste, il lavoro complessivo procede con maggiore rapidità e risulta fatto meglio.

Non sempre, tuttavia, un’organizzazione perfetta è effettivamente possibile. In fondo, come si dice, errare è umano: non siamo macchine e difficilmente riusciamo a raggiungere la perfezione. Per aiutarci, però, esistono dei software gestionali il cui obiettivo è appunto quello di migliorare l’organizzazione interna di un’azienda. Grazie a questi strumenti, anche se ciascun membro di un team di lavoro svolge uno specifico compito, allo stesso tempo viene costantemente aggiornato circa l’attività degli altri. Sarà quindi più facile ottimizzare i tempi e, di conseguenza, lavorare con maggiore efficienza.

Dotarsi di un software rappresenta, dunque, un ottimo modo per attuare un cambiamento positivo nella tua impresa, soprattutto se di piccole o medie dimensioni.

2. Realizzare un business plan di successo

Una delle strategie chiave per innovare la struttura organizzativa della tua piccola e media impresa consiste nel creare un business plan dettagliato, dividendolo nelle seguenti voci:

  • Budget;
  • Obiettivi;
  • Target di riferimento;
  • Tempistiche per ogni fase progettuale;
  • Divisione del lavoro.

Come può questo innovare la tua azienda? Semplice: gli obiettivi che ti poni definiscono automaticamente la strada per raggiungerli, quindi le tue scelte strategiche saranno il primo passo per rinnovare i processi interni. Un esempio? Se scrivendo il business plan realizzi di voler diminuire le tempistiche di produzione, la tua riorganizzazione aziendale dovrà muoversi proprio in quel senso.

3. Diventare un’azienda customer-centred

È un trend destinato a rimanere a lungo quello che vuole il cliente al centro delle strategie aziendali. Questo perché il modo di interfacciarsi con l’esterno, per le imprese, sta cambiando radicalmente ed è importante saper stare al passo.

Essere un’azienda customer-centred significa investire in customer care, marketing non invasivo, chat sul sito, programmi fedeltà, concorsi, eventi e molto altro, tutto con lo scopo di rendere più piacevole l’esperienza del consumatore. Va da sé che un cambiamento di questo genere impatta in modo considerevole sulla struttura organizzativa interna: sarà necessario assumere personale che se ne occupi o iniziare collaborazioni con agenzie esterne che, in ogni caso, andranno seguite e formate da qualcuno.

Uno sforzo che però darà davvero origine ad un’organizzazione innovativa, moderna e appealing: anche la brand image ne gioverà!

4. Implementare lo smart working

E all’attenzione verso l’esterno può accompagnarsi anche uno sguardo ai dipendenti, attraverso la scelta dello smart working. Se ne sente molto parlare in questi ultimi anni, ma la consapevolezza al riguardo, tanto a livello di opinione pubblica quanto ai vertici aziendali, è ancora molto bassa.

La prima cosa da chiarire è che lo smart working non è solo telelavoro: lavorare in modo smart significa innanzitutto formazione. Molte piccole e medie imprese, infatti, non hanno a disposizione risorse o addetti HR in grado di occuparsi di questo aspetto: per questo esistono società che realizzano pacchetti dedicati proprio alle piccole e medie imprese, nei quali non solo si prevede una formazione ben strutturata ma si valorizza anche un altro aspetto molto importante: quello relativo a mobilità e sicurezza.

Come? Attraverso un’implementazione degli strumenti tecnologici: data centre, piattaforme di collaborazione, connettività, ma anche dispositivi fisici, quali telefoni o tablet. A questo punto ti chiederai perché conviene investire nello smart working. Le ragioni, in realtà, sono molteplici. Ecco le principali:

  • Riduzione dei consumi: meno auto aziendali in giro vuol dire meno spese per carburante, autostrada ecc. Contribuendo così a diminuire il traffico e l’inquinamento atmosferico.
  • Incremento della produttività: più incontri in videoconferenza e meno riunioni fisiche permettono un’ottimizzazione del lavoro. Non si perde tempo e si raggiungono più rapidamente gli obiettivi prefissati.
  • Maggiore apertura. In tutti i sensi: grazie allo smart working, si concepisce una nuova logica dell’organizzazione degli spazi, come ad esempio la mancanza di scrivanie assegnate, e si allarga la rete delle collaborazioni, conoscendo più persone e aumentando di conseguenza le opportunità di business.

L’ultimo suggerimento che ti offriamo per innovare la struttura organizzativa della tua azienda è molto semplice, ma essenziale per la crescita del tuo business: cerca di fare sempre del tuo meglio. Accogli le critiche, impara dagli errori, risolvi ogni problema, anche il più piccolo: si può dare sempre di più. È questo lo spirito giusto per far prosperare la tua azienda.

 

 Scarica l'infografica sullo smart working in Italia

Potrebbe interessarti anche...

Il ruolo della tecnologia e delle competenze digitali nello smart working

Smart working e desk sharing: i vantaggi di metodi innovativi di organizzazione del lavoro

La trasformazione del work-life balance grazie allo smart working

Smart working: opportunità e difficoltà

Vuoi introdurre lo smart working in azienda? Guttadauro ti sostiene passo dopo passo

Come calcolare il costo dello smart working per la tua azienda

Tre esempi di aziende di successo che hanno adottato lo smart working

Le best practice dello smart working: i fattori di successo

Che cos'è lo smart working e perché potrebbe esserti utile

L'azienda del futuro: quali sono i trend per il 2018?